IVANO SOSSELLA USW FEAT NADIA GALBIATI

0 Posted by - October 28, 2015 - Interviste

Nadia Galbiati è già passata da queste parti.

Io poi ho molto apprezzato due sue mostre in altrettanto belle e piccole gallerie, qui nell’Oceano Padano (neo-nome purtroppo non di mio conio ma dello scrittore Mirko Volpi), a Monza e a Bergamo.

Ammiro molto la sua grafia futurista. No, non sto vaneggiando. Sì, lo so che siamo nel campo della terza dimensione e che Nadia Galbiati sculture architettoniche, o se preferite architetture scultoree, o se preferite strutture volumetriche, che sono tutt’altro che esemplari di aeropittura e forme visuali in seconda dimensione. Lo so che è una scultrice. Ma io in lei ci vedo Depero, non so perché. E che ci azzecca con il protocostruttivismo ex post della Galbiati, chiederanno i miei piccoli lettori? C’entra, c’entra: andate a farvi una ripassatina del costruttivismo russo e grafico, l’occhio, almeno quello, non dice bugie.

Resta sempre da risolvere il mio caso Fortunato Depero e temo che le incursioni di Ivano Sossella non scioglieranno questo matto arcano. Ma in compenso vi posso assicurare che tutto il resto NON è noia. Buona lettura.

Emanuele Beluffi

 

nadia galbiati artista, nadia galbiati intervista, leo galllery, studio vanna casati, ivano soseella, ivano sossella interviste, kritika, kritikaonline, Milano, arte, contemporanea, emanuele beluffi, emanuele beluffi kritika, beluffi kritika, beluffi critico, mostre, gallerie, artisti, blog, emanuele, beluffi, eventi Milano, news d\'arte, attualità, design, moda, fotografia, artisti, pittura, fotografia, emanuele beluffi critico d&39#;arte, milano, eventi milano, notizie milano, pittura, scultura, performance, installazione, artisti, artista, performing arts, intervista, lifestyle, sagre, sport, vita notturna, food, drink, musica, spettacoli, serate, art exhibitions, arte, arte contemporanea, arte moderna e contemporanea, gallerie arte contemporanea, gallerie d'arte, pittura italiana, pittura contemporanea, pittura figurativa, pittura italiana contemporanea, arte, arte contemporanea, arte italiana contemporanea, arte figurativa, ARTE, ARTE CONTEMPORANEA, PROMOZIONE, GIOVANI ARTISTI,STAGE, ARCHIVIO, ARTISTI, BIBLIOTECA, CONTEMPORANEA, DOCUMENTAZIONE, RICERCA, VIDEO, DIDATTICA, MOSTRA, MOSTRE, PROGETTI, INTERNSHIP, NUOVE TECNOLOGIE, contemporary art, artist, museum, gallery, international, Italy, Milan, exhibition, international, Italy, Milan, exhibition, arte, arte contemporanea, concerti, fiere, mostre, cultura, rivista, magazine, edicola, abbonamento, emanuele beluffi, milano, milano arte, milano eventi, inaugurazioni milano, kritika, kritikaonline, emanuele beluffi, kritika beluffi, arte, arte contemporanea, mostre d\'arte, eventi d\'arte, mostre, festival, architettura, design, art, contemporary art, recensioni mostre, exhibitions, art in italy, arte in italia, mostre in italia, Street Art,Illustration,Graffiti, Graffiti Art,Graffiti, Murals, Murals, Toys,Sneakers, Painting, Painters, Reader Art, Dark Arts, Photography, Poster Art, Comic Art, Comic Books, Car Culture, PrisonArt, Animation, Anime, Sculpture, Installation, Fashion, Fashion Art, Film,Film Art,Street installation, Prison art, Music, Video Art, Music Video Art,Lowbrow,Newbrow,Contemporary Art,Gothic ,san francisco art scene, san francisco art community, sf art scene, sf art, sf art galleries, san francisco art galleries, new york art scene, new york art community, nyc art, nyc art galleries, Nike, Los Angeles Art, los angeles art galleries, los angeles art scene, vans, incisione, computer grafica, architettura, land art, scultura, letteratura, design, arte tessile, videoarte, motore di ricerca, libri, libro, recensione, recensioni, cultura, terza pagina, letteratura, narrativa, poesia, racconti, saggi, saggistica, scrittori, autori, biblioteca, letterario, critica letteraria, autore,titolo, editore, autore della recensione, art, culture, art books, art, artforum, cinema, coffee table, contemporary, criticism, books, culture, fiction forecast, fiction, film studies, film, forum, gender, international, visual arts, C O,, nuova figurazione, nuova figurazione italiana, artista italiano, artisti italiani, paesaggio, paesaggio urbano, vissuto urbano, citt�, architettura, cantieri urbani, archeologia industriale, rappresentazione della realt�, pittore italiano, pittore italiano di cantieri, pittore italiano di paesaggi urbani, pittore italiano di citt�, quadri di cantieri, rappresentazioni di cantieri, quadri di vedute urbane, quadri di metropoli, vedute di metropoli, rappresentazioni di palazzi, pittore comasco, palazzi, vedute urbane, cantieri, gru, painting, Italian painting, contemporary painting, figurative painting, contemporary Italian painting, art, contemporary art, contemporary Italian art, figurative art, new figuration, new Italian figuration, Italian artists, landscape, city landscape, city lived, city, architecture, yards, urban yards, construction yards, industrial archaeology, representation of the truth, Italian painter, Italian artist, Italian painter of cities, Italian landscape painter, Italian painter of yards, paintings of yards, representation of yards, paintings of urban landscape, city paintings, representation of buildings, buildings, kritika, kritikaonline, Milano, arte, contemporanea, emanuele beluffi, emanuele beluffi kritika, beluffi kritika, beluffi critico, mostre, gallerie, artisti, blog, emanuele, beluffi, eventi Milano, news d\'arte, attualità, design, moda, fotografia, artisti, pittura, fotografia, emanuele beluffi critico d&39#;arte, milano, eventi milano, notizie milano, pittura, scultura, performance, installazione, artisti, artista, performing arts, intervista, lifestyle, sagre, sport, vita notturna, food, drink, musica, spettacoli, serate, art exhibitions, arte, arte contemporanea, arte moderna e contemporanea, gallerie arte contemporanea, gallerie d'arte, pittura italiana, pittura contemporanea, pittura figurativa, pittura italiana contemporanea, arte, arte contemporanea, arte italiana contemporanea, arte figurativa, ARTE, ARTE CONTEMPORANEA, PROMOZIONE, GIOVANI ARTISTI,STAGE, ARCHIVIO, ARTISTI, BIBLIOTECA, CONTEMPORANEA, DOCUMENTAZIONE, RICERCA, VIDEO, DIDATTICA, MOSTRA, MOSTRE, PROGETTI, INTERNSHIP, NUOVE TECNOLOGIE, contemporary art, artist, museum, gallery, international, Italy, Milan, exhibition, , international, Italy, Milan, exhibition, arte, arte contemporanea, concerti, fiere, mostre, cultura, rivista, magazine, edicola, abbonamento, emanuele beluffi, milano, milano arte, milano eventi, inaugurazioni milano, kritika, kritikaonline, emanuele beluffi, kritika beluffi, arte, arte contemporanea, mostre d\'arte, eventi d\'arte, mostre, festival, architettura, design, art, contemporary art, recensioni mostre, exhibitions, art in italy, arte in italia, mostre in italia, Street Art,Illustration,Graffiti, Graffiti Art,Graffiti, Murals, Murals, Toys, Sneakers, Painting, Painters, Reader Art, Dark Arts, Photography, Poster Art, Comic Art, Comic Books, Car Culture, Prison Art, Animation, Anime,Sculpture,Installation,Fashion,Fashion Art, Film, Film Art, Street installation, Prison art, Music, Video Art, Music Video Art, Lowbrow, Newbrow, Contemporary Art,Gothic ,san francisco art scene, san francisco art community, sf art scene, sf art, sf art galleries, san francisco art galleries, new york art scene, new york art community, nyc art, nyc art galleries, Nike, Los Angeles Art, los angeles art galleries, los angeles art scene, vans, incisione, computer grafica, architettura, land art, scultura, letteratura, design, arte tessile, videoarte, motore di ricerca, libri, libro, recensione, recensioni, cultura, terza pagina, letteratura, narrativa, poesia, racconti, saggi, saggistica, scrittori, autori, biblioteca, letterario, critica letteraria, autore,titolo, editore, autore della recensione, art, culture, art books, art, artforum, cinema, coffee table, contemporary, criticism, books, culture, fiction forecast, fiction, film studies, film, forum, gender, international, visual arts, C O,, nuova figurazione, nuova figurazione italiana, artista italiano, artisti italiani, paesaggio, paesaggio urbano, vissuto urbano, citt�, architettura, cantieri urbani, archeologia industriale, rappresentazione della realt�, pittore italiano, pittore italiano di cantieri, pittore italiano di paesaggi urbani, pittore italiano di citt�, quadri di cantieri, rappresentazioni di cantieri, quadri di vedute urbane, quadri di metropoli, vedute di metropoli, rappresentazioni di palazzi, pittore comasco, palazzi, vedute urbane, cantieri, gru, painting, Italian painting, contemporary painting, figurative painting, contemporary Italian painting, art, contemporary art, contemporary Italian art, figurative art, new figuration, new Italian figuration, Italian artists, landscape, city landscape, city lived, city, architecture, yards, urban yards, construction yards, industrial archaeology, representation of the truth, Italian painter, Italian artist, Italian painter of cities, Italian landscape painter, Italian painter of yards, paintings of yards, representation of yards, paintings of urban landscape, city paintings, representation of buildings, buildings

Esperienza strutturale 1 2012 lamiera di ferro con disegni acidati a morsura, ferro verniciato, h 160x80x110 cm

Ivano Sossella Usw: Perchè le viti? perchè non l’eVITI?

Nadia Galbiati: Mania per le minuterie metalliche, psicosi da assemblaggio, carriera da ingegnere meccanico mancata o semplicemente il modo più efficace per tenere insieme due pezzi di metallo che non si possono saldare…per varie ragioni tecniche

Ivano Sossella Usw: Mi hai dato una risposta quasi psichiatrica (e vabbeh) e una tecnica…la mia domanda, a dirla tutta, però era rivolta al lavoro: estetica allora. Al tuo lavoro importa di essere trapassato da un punto metallico? Se ne infastidisce o ne incassa gioia? Lui, il lavoro, non tu…

Nadia Galbiati: Direi che l’opera in sé la vive bene, altro non potrebbe fare. Ma se devo dire il vero, vedo molta bellezza in quei piccoli punti di ancoraggio. Mettere a vista i punti di costruzione rientra a pieno nella concettualità, estetica e filosofica, dei miei pezzi o opere. Come preferite.

Ivano Sossella Usw: la “concettualità estetica e filosofica”, seppur vera-vera, la lasciamo un attimino nelle altezze siderali che abita… le viti, i punti metallici sono così integri e integrati al lavoro. Questo è chiaro. E le ombre? Le appendi, alcune sculture, no? Un po’ come quarti di bue ma li appendi. E gettan ombra…

Nadia Galbiati: La scultura a volte cerca anche la parete, è nel suo DNA. Cerca una relazione con lo spazio-luogo, a volte a terra, su un piano o su un tavolo ed anche al muro. Basso o alto rilievo. Forma tridimensionale o sottile corrosione nei frammenti di lamiera, quelli applicati con vite a parallelepipedi di trafilato di ferro. Poi le ombre vengono di conseguenza, un po’ come la nostra ombra: ci segue e muta a secondo di dove siamo, luce naturale o artificiale. Evidenzia che abbiamo una fisicità, nulla a che vedere con i quarti di bue, quella è un altra storia.

Ivano Sossella Usw: Dna della scultura tanto per dire, giusto? O dobbiamo allarmarci? Oggi fisica e Heidegger vanno a braccetto: siamo costretti, non nello spazio ma allo spazio, perché non c’è il suo contrario, il vuoto. Una scultura a mio vedere non si relaziona con lo spazio ma lo crea e lo abita. Se l’ombra è solo una conseguenza, perché appenderle? Così, tanto per fare?

Nadia Galbiati: appendere, installare, applicare…dar peso al suo peso, poterne mutare la forma…instabilità di applicazione…e poi non è un pannello che si attacca con due chiodi: si installa!! In questo caso con un moschettone a passo rapido, ma non è la prima. Per capirci vi dico dei titoli, forse aiutano: SPAZIO COSTRUITO. E, in un lavoro precedente realizzato con gabbie romboidali: ESPERIENZA STRUTTURALE. Avrà più senso così la loro condizione mobile e mutevole. Non per ribadire, ma: mutevole come l’ombra che muta con il mutare della luce.

Ivano Sossella Usw: ok ok… È che cercavo una scappatoia, una maglia strappata per non darti della costruttivista talebana. Suggerivo viti e ombre per scappare dalla costruzione, per dire la favola semmai e far delle tue sculture strutture per aquiloni e cosi via… Ma i titoli dei lavori, poi scritti così in maiuscolo imperiale hanno cassato il volo. A mio vedere le ombre divorano il lavoro, altro che conseguenza inevitabile…non credi?

Nadia Galbiati: Non sono d’accordo. Esserci e dimostrare di avere una fisicità. Questa è scultura, non disegno digitale corretto con Photoshop. O vedi tutto attraverso una lente virtuale del mondo 3D. Io sono per il realismo e le sue inevitabili conseguenze. Altrimenti non avrei scelto la scultura come linguaggio.

Ivano Sossella Usw: Avere fisicità è scultura? Se qualcosa occupa uno spazio tridimensionale e ne esibisce relazione e presenza è una scultura? Pensa te che io ho sempre pensato che la scultura fosse invece il suggerimento e l’evidenza che le dimensioni dello spazio non sono affatto tre o trecento….pensato che fosse proprio il desiderio e la capacita di trascendere la fisicità di cose e spazio…puoi inviare una foto di una scultura?

Nadia Galbiati: La fisicità della materia, nelle strutture che creano la sua forma, evidenzia la materia-vuoto e parla di nuovi spazi e luoghi. Questa è la mia idea di scultura. Costruire è un verbo che mi piace molto e credo che abbia a che fare con il mio lavoro. Mi è rimasto addosso un desiderio di architetto mancato. Fortunatamente mancato. E per tenere alto il fronte degli scultori mi viene voglia di citare il maestro A. Martini che fa dire alla scultura: “Fa che io non sia un oggetto, ma un estensione”. Tu cosa ne dici?

Ivano Sossella Usw: Le domande le farei io ma dico che ci ho capito nulla, anche perché la “materia-vuoto” fa inciampare i filosofi e imbarazza i fisici. Convengo che tale materia-vuoto sia di esclusiva competenza degli artisti e di tutti gli altri ce ne si può beatamente fregare. Eppure…Eppure io sto con gli aquiloni. I tuoi lavori sono macchine volanti: creano una gabbia per intrappolare l’aria e con l’aria imparentarsi…

Nadia Galbiati:…direi anche di sì , ma qui sono io che ho perso il filo del discorso e il capo della matassa o cose di questo genere. Anche se a pensarci preferisco un cavo d’acciaio….

Ivano Sossella Usw: Anche Pollicino ha perso il filo (di pietruzze o briciole che sia), ma ha trovato la strada. Qui c’è Nadia che racconta di esser figlia della fuga di un ingegnere dai cantieri navali per rifugiarsi in una galleria: ma al pari degli dèi, gli ingegneri sono immortali. Non è che poi, nei tuoi lavori, l’ingegnere abbia la meglio e l’artista, affamata, gli corra dietro?

Nadia Galbiati: Non è affatto così, anche perché non ci sono così tanti e complicati meccanicismi costruttivi. Vorrei far passasse principalmente il messaggio della percezione del luogo come metafora della consapevolezza di noi in relazione alla materia, piena e vuota. Molte volte lavoro solo con disegni creati per corrosione da acido su lamiere, opero per sottrazione. In altri mi relaziono con gli ambienti in cui espongo espandendo l’esperienza scultorea in installazioni. Semplicemente evidenziando un area con lamiere che parlano di un altro frammento di luogo. Detta così sembrano cervellotiche congetture, al contrario vissute portano qualcosa a chi guarda. In positivo o negativo, e questo mi sembra essere un lavoro da artista

Ivano Sossella Usw: Quindi si palleggiano, per inventarmi semiologo, due mondi: il rigore della costruzione, il minimal cartesiano della forma tutta ordine e controllo e il mondo aleatorio e disordinato, quanto solo la natura può, delle corrosioni. Un mondo che va dove vogliono le tue intenzioni e l’altro che invece va per i cazzi suoi…

Nadia Galbiati: Sì…cercare di controllare l’incontrollabile e poi romanticamente liberare il rigore geometrico architetturale verso un’empatia con lo spettatore…

Ivano Sossella Usw: il “rigore geometrico architetturale” se permetti lo passo a Crozza che ne farà di certo qualcosa di buono. Comunque, strano ma vero, qualcosa ho capito. Così tu sei convinta che vi siano degli spettatori ai quali sono indirizzate le tue opere? E loro, intendo le opere, lo sanno?

Nadia Galbiati: No, penso proprio di no. E’ difficile far capire a un pezzo di ferro tutto ciò. Lui sta nella sua quiete e non si cura delle nostre strane storie. A proposito, speriamo che Crozza ne cavi qualcosa di comprensibile per tutti…mi darebbe una mano!

Ivano Sossella Usw: eppure qualcuno o qualcosa ha fatto capire ad un pugno di terra che era un essere umano…ma questa davvero è un’altra storia. Grazie della chiacchierata Nadia, buon lavoro a te e a Crozza.

No comments

Leave a reply